LA CULTURA DEll’AMBIENTE E DELLA SICUREZZA

info@pointgreen.it

Scrivi al nostro Team

+39 351 9001887

Contatta il Team di supporto con WhatsApp

il 20 di ogni mese

devono essere caricati TUTTI i file di una tabella.

Lavora con noi (Privati)

Nome e Cognome(Obbligatorio)
A quale mail possiamo scriverti?(Obbligatorio)
Indirizzo(Obbligatorio)
Puoi caricare 4 file. La dimensione massima per ogni file che carichi è 4 MB
Trascina i file qui oppure
Max. file size: 4 MB, Max. files: 4.
    Chi ti ha presentato Point Green(Obbligatorio)
    Qui si deve segnalare il nominativo di un referente Point Green Professional che vi ha consigliato e/o detto di compilare questo form. Se invece lo state compilando senza un referente scrivete nel campo nome e cognome NESSUNO.
    Ho letto la "Privacy Policy".(Obbligatorio)
    SE NON ACCONSENTI NON POSSIAMO CONTATTARTI I tuoi dati personali saranno utilizzati per elaborare la tua richiesta, supportare la tua esperienza in questo sito web e per altri scopi descritti nella nostra Privacy Policy.
    Hidden
    Hidden
    Hidden
    Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
    *Margine di tolleranza del 2% Gli edifici con abusi edilizi non sanati sono esclusi dal Superbonus. Non si possono applicare incentivi dove non c’è conformità edilizia ed urbanistica; una minima discordanza tra progetto e stato attuale dei luoghi NON fa decadere dal Superbonus, ma solo se è entro il 2% come indicato dall’art.34-bis del dpr 380/2001, introdotto dal DL Semplificazioni, il quale prevede che il mancato rispetto dell’altezza, dei distacchi, della cubatura, della superficie coperta e di ogni altro parametro delle singole unità immobiliari non costituisce violazione edilizia se contenuto entro il limite del 2 % delle misure previste nel titolo abilitativo. Quindi è ammessa una limitata tolleranza oltre la quale si incorre nella decadenza dai benefici fiscali; in virtù della modifica apportata all’art.9-bis del dpr 380/2001 sempre ad opera del DL Semplificazioni, per gli immobili realizzati in un’epoca nella quale non era obbligatorio acquisire il titolo abilitativo edilizio, lo stato legittimo è quello desumibile dalle informazioni catastali di primo impianto ovvero da altri documenti probanti, quali le riprese fotografiche, gli estratti cartografici, i documenti d’archivio, o altro atto, pubblico o privato, di cui sia dimostrata la provenienza. A tali documenti va aggiunto il titolo abilitativo che ha disciplinato l’ultimo intervento edilizio sull’immobile o sull’unità immobiliare, integrato con gli eventuali titoli successivi che hanno abilitato interventi parziali.